movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

I bibliotecari inglesi denunciano il Governo: non garantisce il servizio pubblico

Dettagli evento

I bibliotecari inglesi denunciano il Governo: non garantisce il servizio pubblico

Ora: 20 dicembre 2015 a 6 Febbraio 2016
Luogo: Varie biblioteche, web
Città: Inghilterra
Sito web o mappa: http://www.cilip.org.uk/advoc…
Tipo di evento: protesta, biblioteca, uk, petizione
Organizzato da: CILIP
Attività più recente: 24 Gen 2016

Esporta in Outlook o iCal (.ics)

Descrizione evento

A seguito della chiusura di centinaia di biblioteche in tutto il paese, il CILIP (Chartered Institute of Library and Information Professionals) ha denunciato il governo inglese per la sua incapacità “a svolgere il suo dovere legale nei confronti dei cittadini" e a tenere aperte le biblioteche pubbliche. Si chiede al governo di rispettare il “Public Libraries and Museums Act” del 1964, in cui si afferma che i cittadini hanno il diritto di avere un servizio di biblioteca pubblica di qualità, 
 I dati parlano chiaro:  più di 100 filiali di biblioteca sono state chiuse lo scorso anno (e il fenomeno non sembra attenuarsi: il 10, il 15, il 20% dei servizi bibliotecari nazionali sono a rischio).

Mentre Il governo inglese sostiene che la fornitura di tale servizio "completo ed efficiente" sia esclusiva competenza delle autorità locali, i bibliotecari controbattono che è dovere del Governo, e in particolare del Ministro della Cultura, "fornire chiare indicazioni di legge per la definizione di un servizio 'completo ed efficiente'".

La campagna ha visto anche il lancio della petizione My Library By Right (http://www.cilip.org.uk/advocacy-campaigns-awards/advocacy-campaigns/my-library-right) che ha avuto l’appoggio anche della rivista Bookseller (http://www.thebookseller.com/news/local-authorities-risk-breaking-law-on-libraries-318725). Dati recenti hanno rivelato che 106 biblioteche pubbliche hanno chiuso i loro battenti nel Regno Unito quest'anno, mentre i finanziamenti alle biblioteche sono stati ridotti di 50 milioni di Sterline.
Il numero delle biblioteche in Inghilterra è sceso del 2,6% nel corso dell'anno arrivando, ad aprile 2015, a 3.917. Nello stesso tempo, le visite alle biblioteche sono diminuite del 3,9%, da 276 milioni a 265 milioni, mentre i bilanci delle biblioteche sono passati da un totale complessivo di 990 milioni a 950 milioni di Sterline.
Tra i casi più eclatanti quello del Consiglio comunale di Fife che ha deciso di chiudere 16 biblioteche, quello del Consiglio di Croydon che ha chiuso tutte le sue biblioteche tranne una, o quello di Lambeth che ha deciso di trasformare le sue biblioteche in palestre, per contenere i costi, facendo infuriare i bibliotecari e i cittadini che hanno manifestato duramente contro tale decisione.

Spazio commenti

Commento

RSVP perché I bibliotecari inglesi denunciano il Governo: non garantisce il servizio pubblico possa aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

Commento da Maurizio Caminito su 20 dicembre 2015 a 11:41

La stampa inglese sta dando molto risalto in questi giorni alla battaglia ingaggiata dai bibliotecari e dai cittadini di Lambeth contro il Governo inglese (http://www.theguardian.com/books/2015/dec/17/librarians-take-legal-...). Qui è possibile firmare la loro petizione contro la chiusura delle biblioteche:

https://www.change.org/p/london-borough-of-lambeth-save-lambeth-libraries.

Partecipo (3)

© 2022   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio