movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

Una biblioteca senza bibliotecari?

Nei giorni scorsi ha destato scalpore una dichiarazione di Marino, Sindaco di Roma, sul possibile impiego di persone senza fissa dimora nelle biblioteche comunali. Niente di nuovo, per carità. L’utilizzo in biblioteca di persone con fragilità di origine sociale, all’interno della fascia del volontariato, non è nuovo nelle biblioteche italiane. Ma, purtroppo, il Sindaco ha aggiunto che questa potrebbe rappresentare una soluzione per far fronte ai pensionamenti del personale. Ai bibliotecari per capirci. Si sono avute, di conseguenza, diverse reazioni, più o meno divertite.

Cui fa seguito ora una nota del Presidente dell’AIB (Associazione Italiana Biblioteche), che in una lettera aperta al Sindaco scrive:

Illustre Sig. Sindaco,

Ho letto le dichiarazioni da Lei rilasciate al quotidiano Repubblica, relative al possibile impiego di persone senza fissa dimora nelle biblioteche comunali per far fronte ai pensionamenti del personale. Le biblioteche di pubblica lettura sono certamente luoghi inclusivi, orientati all’integrazione e in grado di fornire un contributo al contenimento di alcuni problemi sociali. Questa vocazione negli ultimi anni si è rinforzata anche alla luce della difficile congiuntura che il nostro paese sta attraversando e le biblioteche in molte città italiane sono diventate una componente del welfare locale. Questa vocazione, tuttavia, non solo non esaurisce le funzioni del servizio bibliotecario ma non ne determina né la riconoscibilità né la specificità. Il fatto di essere “sociale” non significa che una biblioteca possa essere gestita da chiunque. La biblioteca ha una precisa fisionomia, legata alla mediazione e all’alfabetizzazione informativa, alla documentazione allo studio, all’accesso alla conoscenza contenuta nei libri e disponibile in rete. Il supporto che i cittadini chiedono ogni giorno per innumerevoli ragioni richiede la presenza di personale culturalmente e professionalmente preparato. Una biblioteca senza bibliotecari non è una biblioteca, esattamente come un pronto soccorso non è tale senza medici e infermieri e un ufficio tecnico non gestisce il territorio senza urbanisti e architetti. I bibliotecari svolgono una professione intellettuale e insieme tecnica, i cui contenuti disciplinari si sono precisati a partire dalla fine dell’Ottocento formando le basi di un sapere condiviso a livello internazionale, fatto di regole di catalogazione e di sistemi di classificazione della conoscenza, di standard, linee guida e raccomandazioni, di pratiche di trattamento e ordinamento delle raccolte, di tecniche per la tutela e la conservazione.

A queste competenze di base si sono più di recente affiancate competenze legate all’informatica, alle discipline gestionali, alla pedagogia della lettura, alle tecniche della ricerca sociale, alla statistica. Non è difficile immaginarlo: oggi le collezioni di qualsiasi biblioteca sono un complesso di documenti fisici posseduti localmente o da altre biblioteche, e di opere in formato elettronico a vario titolo accessibili, anche a distanza, su formati differenziati, che richiedono specifiche competenze e capacità d’uso da parte degli operatori e degli utilizzatori; il pubblico delle biblioteche si è notevolmente ampliato a comprendere persone di qualsiasi età, condizione sociale, livello culturale e provenienza geografica; la crisi economica e la richiesta di maggiore efficienza dei servizi pubblici hanno accentuato l’esigenza di una gestione rigorosa e improntata alla qualità; la richiesta di socialità ha modificato il ruolo delle biblioteche, spesso gli unici luoghi di ritrovo presenti nel territorio, soprattutto nei piccoli centri.

La biblioteca, Signor Sindaco, non può essere sociale e inclusiva con tutti salvo che con i bibliotecari!

Con la presente le chiedo di riservare ai professionisti che lavorano nelle biblioteche di Roma la medesima attenzione che ha voluto rivolgere alle persone più sfortunate.

Senza i primi, le biblioteche della Sua città sono destinate a sbiadire, a perdere inevitabilmente la forza che ne ha fatto uno dei servizi più apprezzati dai cittadini.

Stefano Parise

Roma, 12 marzo 2014 

Aggiornata l'ultima volta da Maurizio Caminito 15 Mar 2014.

© 2020   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio