movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

Il cielo in una stanza, la nuova performance di Ragnar Kjartansson

Ragnar Kjartansson è un artista e performer islandese difficile da catalogare. Le sue opere contengono veramente tutto: video, musica (collabora con i Sigur Ros), cinema, video, performance collettive, opere corali, pittura, installazioni. Il video della sua opera The Visitors, allestita su undici grandi schermi anche a Milano alla Pirelli HangarBicocca nel 2013 (https://www.youtube.com/watch?v=L3jWvn4iCpQ) ne è una testimonianza efficace. L’ispirazione di partenza è quasi sempre una canzone, un brano musicale, che viene “messo in scena” utilizzando tutti i mezzi di comunicazione che ritiene utili.

Il suo nuovo lavoro si basa su una canzone a noi nota: si tratta di The Sky in a Room - come si traduce in inglese – entrata nel nostro immaginario grazie al suo autore Umberto Bindi, a Gino Paoli e all’interpretazione del 1959 di Mina. Il brano viene suonato continuamente per cinque ore al giorno, da una squadra di musicisti che si alternano, su un organo del XVIII secolo (https://www.youtube.com/watch?v=oaLmS6a_lfY) all’interno di un’antica dimora. Dal 3 febbraio all’11 marzo sarà al Museo Nazionale del Galles di Cardiff (https://museum.wales/cardiff/), ma presto saranno sicuramente online le riprese della performance.

Visualizzazioni: 30

Commento

Devi essere membro di movimENTI CULTURALI per aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

© 2018   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio