movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

"Radical Disco": quando gli architetti italiani erano RADICAL

Dettagli evento

"Radical Disco": quando gli architetti italiani erano RADICAL

Ora: 8 dicembre 2015 a 10 Gennaio 2016
Luogo: I.C.A.
Città: Londra
Sito web o mappa: https://www.ica.org.uk/
Tipo di evento: mostra, architettura, design, musica, arte
Organizzato da: I.C.A. in collaborazione con l'Istituto di Cultura Italiana a Londra
Attività più recente: 8 Dic 2015

Esporta in Outlook o iCal (.ics)

Descrizione evento

La mostra “Radical Disco: Architecture and Nightlife in Italy, 1965-1975” che si è inaugurata oggi a Londra negli spazi dell’I.C.A., e che rimarrà aperta fino al 10 gennaio 2016, esplora il rapporto tra architettura e vita notturna in Italia nel corso degli anni 60 e 70. Vengono documentati soprattutto gli interventi degli architetti del Radical Design italiano (tra cui Archizoom, il Gruppo 9999, Superstudio e UFO) in un certo numero di discoteche aperte in tutta Italia. Insoddisfatti dalle limitazioni e dall’inefficacia del design moderno del dopoguerra, questi architetti, com’è noto, cercarono di usare la loro professione come strumento di cambiamento sociale e di contestare l'idea del ruolo degli architetti nella società. In un periodo di cambiamento e di contestazione in Italia, più in generale, questi architetti politicizzati e “socialmente orientati”, videro le discoteche come un nuovo tipo di spazio per la sperimentazione multidisciplinare e per la “liberazione creativa”. La sorprendente mostra londinese esplora questo fenomeno poco conosciuto attraverso fotografie d'archivio, disegni di architettura, film, musica e articoli della stampa internazionale del design.

 A partire dal mitico Piper, la discoteca aperta a Roma nel 1965, progettata da Manilo Cavalli con Francesco e Giancarlo Capolei, in cui erano presenti mobili riconfigurabili, tecnologie audio-video e un palco per gli artisti idi tutto il mondo, da Patty Pravo ai Pink Floyd, e che ospitò anche opere di artisti come Piero Manzoni e Andy Warhol. Ma non solo: Giorgio Ceretti, Pietro Derossi e Riccardo Rosso hanno progettato sia Piper a Torino (1966) che L'Altro Mondo di Rimini (1967); a Milano Ugo La Pietra ha ridisegnato lo spazio di Bang Bang (1968), a Firenze Superstudio ha ripensato il design del Mach 2 (1967) e il Gruppo 9999 quello di Space Electronic (1969). Tutti spazi pionieristici e innovativi in cui arte, architettura, musica, teatro e tecnologia definivano un ambiente completamente nuovo.

La musica che si ballava è quella che si può riascoltare nella playlist che riprende la programmazione della discoteca toscana Bamba Issa del Gruppo UFO (1969) https://www.youtube.com/playlist?list=PLHZc-7v6UhVITwpLX1C-uRV10GUdW2G0Z. Ed una testimonianza imperdibile, e tutta da scoprire, è quella che è visibile in Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=AEBH-Uu7ICg.  Buona visione e buon ascolto!

Spazio commenti

Commento

RSVP perché "Radical Disco": quando gli architetti italiani erano RADICAL possa aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

Partecipo (1)

© 2022   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio