movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

Approvata la legge sulle professioni dei beni culturali

E’ stata approvata, in via definitiva, la legge sulle professioni dei beni culturali, cosiddetta Legge Madia.

Il primo progetto di legge a firma Madia-Ghizzoni-Orfini fu presentato alla Camera dei deputati nel 2008: oggi finalmente il provvedimento che disciplina le professioni dei beni culturali è legge dello Stato. “Un lungo elenco di professioni antichissime, come quelle dei bibliotecari e archivisti, e nuovissime, come gli esperti di diagnostica e di scienze e tecnologie applicate ai beni culturali, sono ora parte integrante del Codice dei beni culturali – spiega la vicepresidente della Commissione cultura della Camera Manuela Ghizzoni, co-presentatrice e relatrice della legge – Con questa legge, infatti, lo Stato riconosce il ruolo fondamentale dei professionisti alle cui capaci mani affidiamo materialmente la tutela, la salvaguardia e la conservazione del nostro patrimonio culturale”.

Nell’elenco delle professioni dei beni culturali trovano ora riconoscimento giuridico archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, restauratori dei beni culturali e collaboratori restauratori dei beni culturali, esperti di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali, e storici dell’arte.

Il tema è oggi di stretta attualità, infatti in questi giorni si discute in Parlamento il dl Franceschini, meglio conosciuto come Art bonus, e tra le tante novità c’è anche la misura che consente agli enti pubblici l’assunzione a tempo determinato dei professionisti della cultura, anche in deroga ai limiti previsti.

Visualizzazioni: 43

Commento

Devi essere membro di movimENTI CULTURALI per aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

© 2020   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio