movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

Noi vogliamo leggere. Una Carta dei Diritti della Lettura, Ass. Donne di carta, Il Caso e il Vento

Napolitano ci ha voluto consegnare come sua rappresentanza una medaglia e abbiamo stampato in copertina questa informazione ma abbiamo raccolto nell'Instant Book anche alcuni dei commenti più suggestivi che la Petizione sul web (in 10gg 1.400 firme) ha suscitato.

 

Una Premessa, 8 articoli e un Commentario. Questa è La carta dei Diritti della Lettura, prodotto di un pensiero  e di una scrittura collettiva a cura dell'Associazione Donne di carta (editore Il Caso e il Vento, Roma).

Il libricino è solo il contenitore di un pensiero che ora diventa una Marcia verso il Parlamento europeo con una raccolta firme reali dislocata in tutte le città dove esistono persone libro: Arezzo, Bari, Milano, Firenze, Venezia, Portogruaro, Roma, Cagliari, Bastia Umbra... ma anche tramite il download dei moduli direttamente dal sito: www.donnedicarta.org.

 

Ogni mercoledì, a partire dal ns rientro da Torino dove il 12 la Carta sarà presentata all'OVAL in una sorta di tavola rotonda, al Drugstore Gallery di via Portuense 317 - Roma, sarà possibile firmarla, acquistare il libricino (€ 3,00), sostenere la causa e... conoscere la nsotra attività.

Il Drugstore Gallery ospita all'interno di un'area archeologica musealizzata (la necropoli della via portuense) la nostra prima Casa dell'Oralità e della Bibliodiversità.

L'abbiamo inaugurata il 7 maggio con un Omaggio doveroso all'Iliade, a Saffo, a Pindaro, a Cassandra...alle voci "antiche e classiche" che sapevano il valore della voce nella trasmissione delle storie e in quella pratica delicata e sottile di creazione di legami sociali, del senso comune di appartenenza a una comunità linguistica e storica.

 

Art.6

"È diritto irrinunciabile della persona che legge godere dell’uguaglianza delle opportunità di lettura ed esercitare una libera scelta degli strumenti e degli oggetti di lettura.

Pertanto è dovere sociale rappresentare, in modo equo, negli oggetti di lettura la varietà e il valore delle differenze culturali, di orientamento sessuale, di credenze religiose e politiche incrementandone la diffusione e concorrendo alla rimozione degli ostacoli che limitano di fatto questo diritto promuovendo le condizioni, gli strumenti e le attività che lo rendano effettivo."

Visualizzazioni: 68

Commento

Devi essere membro di movimENTI CULTURALI per aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

© 2020   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio