movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

L’App o il libro della buonanotte. Cosa svela l''indagine Doxa Kids

Dettagli evento

L’App o il libro della buonanotte. Cosa svela l''indagine Doxa Kids

Ora: 16 dicembre 2014 a 31 dicembre 2014
Luogo: Più Libri Più Liberi
Città: Roma
Telefono: Associazione Italiana Editori Daniela Poli Tel. 02 89280823 – cell. 335 1242614
Tipo di evento: indagine, doxa, lettura, digitale, bambini, ragazzi, app, tablet, smartphone
Organizzato da: AIE / Doxa
Attività più recente: 18 Dic 2014

Esporta in Outlook o iCal (.ics)

Descrizione evento

Cresce la confidenza con la tecnologia nelle famiglie italiane, secondo un'indagine Doxa Kids presentata a Più Libri Più Liberi.

Sul sito della Doxa si trova una sintesi della ricerca: http://www.doxa.it/strumenti/doxa-kids/ .

Le fiabe della buonanotte? Irrinunciabili. Più di un genitore su tre (il 37% per la precisione) dichiara di leggere favole perché ė proprio il bimbo a chiederlo. Su libri di carta certo, anche se - con accentuazioni diverse - c'è spazio anche per la tecnologia. Ė quanto emerge da un'indagine qualitativa Doxa Kids presentata a Più libri più liberi 2014, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, nel convegno a cura dell'Associazione Italiana Editori (AIE).

Lo strumento privilegiato per leggere o raccontare storie ė per 8 mamme su 10 (il 79% secondo la ricerca) e per 6 papà su 10 (il 59%) il libro di carta. Ma subito dopo le preferenze cambiano: le mamme preferiscono le favole lette sui libri di carta in modo assoluto, seguite a distanza netta (solo il 7% del campione lo ha indicato) dal dvd e dall'app su tablet o smartphone (5%). Per i papà le cose sono diverse: sì al libro di carta per favorire il sonno dei figli o per raccontare la storia ma non si disdegnano il tablet (nel 14% delle risposte) e i DVD (11%). Non è certo un caso che tra i papà più della metà possieda un tablet e lo abbia utilizzato per leggere o far vedere/ascoltare storie ai figli.

Sia mamma che papá indicano di raccontare le favole ai figli per aiutarlo a sviluppare le capacità e il linguaggio, ma per le mamme raccontare una favola al bimbo equivale soprattutto passare del tempo di qualità con lui o lei.

La ricerca di ci dice anche che il rapporto con la tecnologia si sta consolidando anche nelle famiglie con bambini piccoli: il 14% della famiglie italiane di 5-13nni possiede un tablet, l'82% lo fa usare al figlio (in media 4 volte alla settimana e per sessioni medie di un'ora.

 

FONTE: UFFICIO STAMPA Associazione Italiana Editori

Daniela Poli Tel. 02 89280823 – cell. 335 1242614

 

 

 

 

 

 

Spazio commenti

Commento

RSVP perché L’App o il libro della buonanotte. Cosa svela l''indagine Doxa Kids possa aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 21:13

1. Gli italiani sono sempre più i connessi (mobili)

 

39,9 mln

Hanno la possibilità di accedere a Internet da almeno un device/location

 

26,5 mln

Accedono a Internet da telefono cellulare

 

9,5 mln

Accedono a Internet da tablet

 

 TABLET NELLE FAMIGLIE CON BAMBINI 5-13 ANNI:

NOVEMBRE 2012:   5%

NOVEMBRE 2013: 14%

GIUGNO 2014:       30%

 

L’indagine tiene conto della base totale individui 11-74 anni (N=47.141.000)

 

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 21:11

2. Di fronte alla tecnologia il genitore esprime una profonda ambivalenza

 

Nell’attuale contesto i genitori sembrano chiamati ad un compito difficile.

  • devono gestire complessità logistiche e organizzative notevoli

  • sentono di dover assumere un ruolo genitoriale in assenza di un quadro di riferimento valoriale stabile

  • devono confrontarsi con una grande precocità ed evoluzione cognitiva dei bambini

     

    “Sono più svegli, più aperti alle novità ..sono diversi”

    “Con la tecnologia, poi, non puoi neanche paragonarti!”

     

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 21:10

3. ….e un profondo senso di inadeguatezza

In positivo

  • valutano la precocità/evoluzione cognitiva come una opportunità

  • ritengono indispensabile sostenerla e riconoscerne il valore

In negativo

  • temono che il bambino sia sottoposto ad un eccesso di stimolazione confusiva

  • registrano spesso una crescita disarmonica su altri fronti: nelle attività pratiche, che hanno a che fare con gli oggetti concreti, nella gestione di sé all’interno dello spazio, nella gestione delle emozioni

Vorrebbero poter operare una selezione, ma non appaiono in grado di operare una riduzione selettiva per carenza di criteri, per incapacità nel ruolo genitoriale e per timore di “rimanere indietro”.

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 21:09

4. I ragazzi: a cosa non potrebbero rinunciare

 

5/7 anni

TV:55%; Libri/giornalini: 7%; Consolle: 4%; PC:2%; Telefonino: 1% Radio: 1%; Tablet: 2%; Nessuno: 28%

8/9 anni

TV:48%; Libri/giornalini: 7%; Consolle: 13%; PC:6%; Telefonino: 3% Radio: 1%; Tablet: 4%; Nessuno: 18%

10/11 anni

TV:40%; Libri/giornalini: 7%; Consolle: 11%; PC:6%; Telefonino: 12% Radio: 2%; Tablet: 4%; Nessuno: 14%

12/13 anni

TV:21%; Libri/giornalini: 5%; Consolle: 5%; PC:6%; Telefonino: 38% Radio: 2%; Tablet: 6%; Nessuno: 7%

15/18 anni

TV:8%; Libri/giornalini: 1%; Consolle: 11%; PC:6%; Telefonino: 54% Radio: 3%; Tablet: 9%; Nessuno: 0%

 

(Valori % - Base: totale ragazzi 5-13 anni, 15-18 anni – Junior 2013 (1720 interviste CAPI, rappresentative universo 5-13anni realizzate a novembre 2013) RO3. Consolle, Giornalini, Internet, Radio, Telefonino e Televisione. Quali di questi è il mezzo che senti più vicino a te? Quello a cui non potresti rinunciare?)

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 21:08

5. Uso di Smartphone e Tablet

 

Smartphone

Posseduto dal 54% dei genitori

Fatto usare al figlio: 57%

I bambini lo usano in media 3 volte a settimana

Tablet

Posseduto dal 14% delle famiglie

Fatto usare al figlio: 82%

I bambini lo usano in media 4 volte a settimana

(Ogni sessione dura 60 minuti)

 

Il tablet si conferma un device per la famiglia, fatto usare il larga misura ai figli.

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 21:07

6. Modalità di utilizzo

( ragazzi 5-13 anni che utilizzano tablet/smartphone)

Smartphone                      Tablet

49                 Gioco                     73

13         Navigo/visito siti          26

26             Guardo foto              25

24         Ascolto musica             23

9  Guardo video/film/cartoni  26

13 Vado sui social network     21

0                Disegno                     15

18               Chatto                        0

0          Leggo libri/riviste            5

16   Faccio sapere dove sono    0

13 Invio SMS a concorsi/giochi 0

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 20:43

7. Il ruolo dei media e della «carta»

 

La carta è considerata in crisi, ma di fatto si continua ad orientare il bambino alla lettura.

E’ percepita come veicolo di contenuti valoriali superiori alla televisione

E’ considerata un elemento stimolante delle capacità critiche (la riflessione) e immaginative

Richiede un’attenzione specifica, focalizzata e prolungata, più simile a quella richiesta a scuola

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 20:42

8. PERCHE’: i motivi per cui i genitori raccontano le fiabe al figlio

 

37%         Perché a lui piace e chiede di farlo

21%         Per aiutarlo a sviluppare le sue capacità di linguaggio e  

                 comunicazione

                 (Papà 24% vs Mamma 19%)

20%         Per passare del tempo di «qualità» con lui/lei

                (Mamma 23% vs Papà 17%)

12%         Per coccolarlo e aiutarlo ad addormentarsi

 

Valori % - Base mamme o papà che leggono/raccontano personalmente storie: 231 intervistati genitori di bambini 3-5 anni.

La mancanza di tempo è il motivo principale per cui i genitori NON raccontano o leggono storie al proprio figlio (motivo citato specialmente dai padri).

Commento da Maurizio Caminito su 18 dicembre 2014 a 19:15

9. CON COSA: strumento utilizzato per leggere o raccontare storie

 

Mamma                                                                       Papà

7%                             DVD con filmati                        11%

5%                          Tablet/smartphone                     14%

0                                    PC portatile                             7%

79%                                      Libri                                 59%

4%                                     Audiolibri                            6%

N.B. Tra i papà che possiedono un tablet il 55% lo ha utilizzato per leggere o far vedere/ascoltare storie ai propri figli.

Partecipo (1)

© 2022   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio