movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

OBIETTIVO CRESCITA . Ecco l'AGENDA DEL GOVERNO MONTI su cultura e territorio

 Nell'Agenda approvata ieri dal Consiglio dei Ministri, un ampio paragrafo è dedicato alla cultura. Nei prossimi mesi (prevedibilmente entro novembre/dicembre) provvedimenti concreti dovranno essere approvati in Parlamento sui singoli punti:

2.2.7 Beni Culturali e Turismo

Il patrimonio storico-artistico, paesaggistico e tout court culturale dell’Italia non ha paragoni al mondo. La sua valorizzazione e promozione è pertanto un filone strategico indispensabile per la crescita del Paese. Per ottenere questi risultati è però necessario uscire dalla logica meramente assistenziale della cultura, favorire le  patnership pubblico-privato, guardare al patrimonio culturale non solo come una eredità del passato, ma come un asset per il futuro, principale cinghia di trasmissione del motore di sviluppo turistico. In tal senso, ad esempio, il Governo ha approvato la semplificazione delle procedure di ricerca di sponsor per il restauro dei beni culturali (“Pacchetto semplificazioni”) e delle procedure in materia di agevolazioni fiscali e donazioni per i beni e le attività culturali (all’interno del decreto legge “Salva Italia”)

e ha deliberato lo stanziamento di 76 milioni di euro da parte del CIPE a favore di alcune eccellenze del patrimonio culturale e museale italiano. 

Per quanto riguarda invece il turismo, oltre al Piano Strategico quale strumento che per la prima volta traccia una visione del futuro e una strategia complessiva, e a numerosi progetti di promozione turistica, è in corso di avanzata elaborazione una iniziativa innovativa per migliorare la qualità ricettiva delle strutture attraverso un sistema di rating e classificazione.

 

Azioni in programma

• Presentazione del Piano Strategico per il Turismo

• Sviluppo di iniziative di attrattività turistica legate ad EXPO 2015

• Riorganizzare la pianificazione urbanistica con impatto sul paesaggio del territorio nazionale, definendo, insieme con le Regioni e gli Enti locali, “piani paesaggistici” compatibili con il rispetto del Codice dei beni culturali e del paesaggio, con la tutela di luoghi storici e naturali, con la rigenerazione dei centri urbani e periferie degradate

• Proseguire l'attività di  ricostruzione, messa in sicurezza e recupero anche ai fini turistici delle aree colpite dal terremoto del maggio 2012, del centro storico dell'Aquila

• Approvare, in collaborazione con il Parlamento, una nuova  legge quadro per lo Spettacolo

• Proseguire i progetti sui grandi attrattori culturali (es. Pompei)

Visualizzazioni: 49

Commento

Devi essere membro di movimENTI CULTURALI per aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

© 2022   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio