movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

CHE FARE per la cultura. Un appello di DOPPIOZERO

Dettagli evento

CHE FARE per la cultura. Un appello di DOPPIOZERO

Ora: 9 dicembre 2011 a 31 dicembre 2011
Luogo: web
Sito web o mappa: http://www.doppiozero.com
Tipo di evento: cultura, dibattito, incontro
Organizzato da: Doppiozero
Attività più recente: 10 Dic 2011

Esporta in Outlook o iCal (.ics)

Descrizione evento

In un recente incontro alla Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma, è stata ancora una volta illustrata l'iniziativa, chiamata CHE FARE, promossa da Doppiozero (http://www.doppiozero.com/materiali/che-fare)' una comunità di autori, editori, studiosi, critici e non solo, che ha a cuore le sorti della cultura e dell’editoria, un gruppo di lavoro, ma anche una redazione e un sito web.

Il progetto muove dalle seguenti considerazioni, che vogliono essere una specie di manifesto per la cultura italiana di questi anni:

"La cultura attraversa oggi nel nostro paese una profonda crisi: i tagli delle risorse pubbliche hanno colpito negli ultimi anni la scuola, l’università, il patrimonio storico-artistico e la produzione indipendente, dal cinema, al teatro, alla musica. Anche le biblioteche pubbliche, da quelle di quartiere alle grandi nazionali, versano in una situazione disastrosa. Il populismo mediatico in cui siamo immersi sembra aver individuato nel pensiero critico, nella formazione, nella creatività non conformista, i facili bersagli di un’ottusa volontà di dominio: la cultura, se proprio è necessaria, deve essere un lusso, non un bene collettivo, una forma di evasione, non un elemento essenziale per la crescita civile dell’intero paese.

Di fronte a questa situazione ci interroghiamo su cosa si possa fare per cambiare rotta. Ci riferiamo non solo alla protesta civile, sempre necessaria – sull’esempio di quanto sta accadendo a Roma al Teatro Valle o di altre situazioni – ma alla possibilità di concepire e realizzare progetti specifici. Ci sono esempi positivi in luoghi molto diversi che mostrano quanto sia grande la domanda di cultura nel paese: migliaia e migliaia di persone che frequentano i festival culturali, i seminari, le conferenze, fanno la fila alle mostre d’arte e ai concerti, leggono libri e giornali, fanno ricerca, si pongono domande sul futuro." [...]

E ancora:

"Chiediamo a tutti idee concrete: non solo aprire il libro dei sogni, bensì formulare progetti realizzabili, da far partire in tempi brevi, proposte autoprodotte o sostenute in varie forme da fondi privati e pubblici, anche attraverso un azionariato popolare. Uno sforzo di concretezza e insieme di fantasia.

Ci dite, città per città, paese per paese, cosa si può fare per far ripartire la cultura? In quali modi si può progettarla e diffonderla nell’interesse di tutti?

Mandate una mail con la vostre riflessioni e soprattutto con proposte concrete a posta@doppiozero.com".

Spazio commenti

Commento

RSVP perché CHE FARE per la cultura. Un appello di DOPPIOZERO possa aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

Commento da Francesco Franci su 10 dicembre 2011 a 13:07

Sul che fare credo che innanzi tutto  vada percorsa la strada delle partnership  atte a raggiungere le masse critiche necessarie  a competere sul mercato oppresso dai cosiddetti grandi, Linee comuni di promoziopne, di distribuzione, condivisione dei servizi etc.

Partecipo (2)

© 2020   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio