movimENTI CULTURALI

Archivi, biblioteche, libri e musei. Attività e progetti di innovazione

Il LIBRETTO ROSA e la presa del potere da parte dei lettori

Dettagli evento

Il LIBRETTO ROSA e la presa del potere da parte dei lettori

Ora: 12 dicembre 2011 a 31 dicembre 2011
Luogo: web
Sito web o mappa: http://www.finzionimagazine.i…
Tipo di evento: lettura, dibattito, critica letteraria, web
Organizzato da: Finzioni
Attività più recente: 12 Dic 2011

Esporta in Outlook o iCal (.ics)

Descrizione evento

Il Libretto Rosa, è una sorta di pamphlet estetico-politico-letterario pubblicato da Finzioni, il magazine online di scrittura creativa (http://www.finzionimagazine.it/) che ha provocato un acceso dibattito in rete e fuori.

Il Libretto Rosa in sostanza teorizza la "presa del potere" da parte dei lettori. "Gli  scrittori scrivono per essere letti, gli editori pubblicano per  fare leggere, i critici e i recensori (quelli che si dicono tali)  partono dalla propria lettura per arrivare a convincere altri a leggere. Tutto gravita intorno alla lettura, in poche parole.  Ciò nonostante, questo circolo di figure ha sempre tenuto  fuori, come un club di snob presuntuosi, chi ne sostiene l’esistenza stessa: i lettori. Questo è l’enorme paradosso della storia della lett(erat)ura: i suoi veri protagonisti ne sono estromessi."

Ecco da qui la necessità di fissare in un nonalogo (qualcosa di meno di un decalogo) i principi della lettura oggi:

I.  Leggere è fico

II.  I lettori hanno sempre ragione

III.  Sono i libri ad aver bisogno di noi lettori

IV.  La letteratura è fatta di discorsi sui libri

V.  L’autore dura un attimo

VI.  I critici sono noiosi

VII.  La lettura è sempre un fatto sociale

VIII.  Il mondo funziona come una storia che noi leggiamo

IX.  Il futuro è negli immaginari dei lettori

 

Domenica 11 dicembre il Libretto Rosa è uscito dai circuiti dei frequentatori dei blog per presentarsi  alla fiera Più Libri Più Liberi, dove  eFFe, pseudonimo di un booksblogger molto attivo in rete,  ha dialogato con lo scrittore  Sergio Garufi,  scrittore già collaboratore di Nazione Indiana e Andrea Carbone, della casa editrice palermitana Due Punti. In un confronto/scontro arbitrato da Giorgio Vasta. 

Due sostanzialmente le tesi contrapposte:

Da un lato eFFe, ha sostenuto la assoluta supremazia del lettore. “Troppo a lungo i lettori - ha detto - sono stati considerati terreno di conquista nella filiera editoriale, dei beoti, utili per il mercato; ora invece, grazie all’interazione sulla rete sono divenuti una realtà forte, che ama confrontarsi, discutere, argomentare e anche litigare, creando così una nuova forma di ‘intermediazione letteraria’. [...]Cultura e diffusione della lettura non hanno un marchio, devono essere accesibili e alla portata di tutti”.

L’obiezione di Sergio Garufi ha, per contro, toccato uno dei nodi centrali del pamphlet, e cioè il rifiuto del principio di autorità per cui alla fine i lettori hanno sempre ragione. "Il libretto rosa risente – ha affermato - dello spirito del tempo che rifiuta qualsiasi autorità e autorevolezza. E’ doveroso che si esprimano critiche ragionate e ragionevoli sulle pecche storiche della mediazione culturale, ma non si deve esagerare arrivando a dire che tutto è condizionato dall’atto della lettura. In realtà il lettore, anche quello forte, sceglie quasi sempre su un ventaglio di ipotesi che gli è stato preconfezionato”. Da qui la necessità di una critica letteraria che sia in grado di orientare la lettura.

Il dibattito rimane aperto. Per farsi una propria idea sull'argomento non rimane che scaricare il PDF del Libretto Rosa all'indirizzo: http://www.finzionimagazine.it/Il%20Libretto%20Rosa%20di%20Finzioni.pdf

Spazio commenti

Commento

RSVP perché Il LIBRETTO ROSA e la presa del potere da parte dei lettori possa aggiungere commenti!

Partecipa a movimENTI CULTURALI

Partecipo (2)

© 2022   Creato da Maurizio Caminito.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio